A piedi

Primavera allo Zingaro(Trapani)

E' una proposta settimanale COMPAGNIA DEI CAMMINI Dal 23 al 31 marzo 2019.  Trekking da Erice a Castellammare del Golfo, alla scoperta di città storiche come Segesta e Scopello, ma anche delle attività che scompaiono: le tonnare, i pastori... Sette giorni di cammino tra mare e monti, nel sorprendente clima della Sicilia, in questa stagione verde e fiorita e in un angolo dell’isola dove una natura aspra e struggente è scenario delle testimonianze del passato, dalle grotte preistoriche ai templi e teatri greci, dalle tonnare alle città immutate da centinaia d’anni.

È un’area dove si può fare trekking in tutte le stagioni: il clima è mite, il mare è sempre vicinissimo. Un viaggio a piedi per conoscere quest’angolo estremo d’Italia non può che partire da Erice, di origini antichissime, racchiusa da mura elimo-puniche; poi si scende al mare: si cammina in vista di antiche tonnare, magnifiche calette dai ciottoli bianchi, torri saracene… E si conclude la giornata con cene a base di pesce, nei ristoranti tipici. Sulla costa più selvaggia della Sicilia si attraversa anche l’incantevole Riserva Naturale dello Zingaro, un tratto di costa da San Vito a Scopello senza strade, ma raggiungibile solo a piedi o dal mare. Si dorme in alberghetti, aziende agrituristiche e affittacamere.

Programma

Sabato 23

Ritrovo a Erice alle ore 17

Domenica 24

Erice – Custonaci. 6 ore, 17 km. Dislivello: 750 m in discesa e 200 m in salita

Lunedì 25

Custonaci – Macari. 4-5 ore, 11,5 km. Dislivello: minimo

Martedì 26

Macari – Scopello. 5-6 ore, 14 km. Dislivello: 650 m in salita e 700 m in discesa

Mercoledì 27

Escursione nella Riserva Zingaro. 5 ore, 12 km. Dislivello: 350 m, in salita e discesa

Giovedì 28

Scopello – Baglio Pocoroba. 6 ore, 18 km. Dislivello: 400 m in salita

Venerdì 29

Baglio Pocoroba – Segesta. 6 ore, 10 km. Dislivello: 250 m in salita

Sabato 30

Baglio Pocoroba – Monte Inici – Castellammare del Golfo. 6 ore, 20 km. 
Dislivello: 400 m in salita e 750 m in discesa

Domenica 31

Rientro a casa

Altre informazioni utili

Ritrovo: a Erice il sabato 23 marzo alle ore 17 (consiglio di arrivare il prima possibile e gironzolare, senza bagagli per i vicoli medioevali di Erice)
Rientro: domenica 31 marzo. Partenza autogestita da Castellammare del Golfo nella prima mattina.

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos soprattutto per le calze, zaino ergonomico. Dopo la conferma della partenza, riceverete le note di viaggio e l’elenco delle cose da portare.
Notti: si dorme in alberghi, affittacamere, agriturismo.

Importante: questo è un viaggio senza particolari difficoltà tecniche, dove però è necessario essere disponibili all’incontro con la natura, con gli altri (non è quasi mai possibile avere la camera singola perché alcune strutture dispongono solo di letti matrimoniali) e con voi stessi. Il sole, il mare, le genti e i profumi sono parte di un’esperienza da condividere in gruppo. Ci possono essere disagi, inconvenienti, ma la Sicilia è questo. “Tutto e il contrario di tutto”, diceva Sciascia.

Per maggiori info, contatti e prenotazioni:

https://www.cammini.eu/viaggi/trekking-sicilia-primavera-segesta-riserva-zingaro

Segreteria
via Ocri, 4 – 32032 Feltre (BL) 
tel. 0439 026029 (Maurizio e Brigitte)
info@cammini.eu
orari: lunedì-venerdì, 9-13 e 14-18

Categoria: 
Posizione: 
3

Pagine